Sarcoma della prostata che è

Malattie della prostata - Prostatite, IPB e Tumore della Prostata

Trattamento della prostata TERMEKS

In alcuni casi la comparsa del Rabdomiosarcoma è associata con anomalie e malformazioni costituzionali ad esempio, anomalie del tratto genito-urinario, o del sistema nervoso centrale e con sindromi genetiche che predispongono al cancrocome la sindrome di Li-Fraumeni, la malattia di Sarcoma della prostata che è Recklinghausen la Neurofibromatosi di tipo I-NF1 o la Sarcoma della prostata che è di Beckwith-Wiedemann.

In alcuni studi viene ipotizzata la correlazione con cocktail di inquinanti ambientali, in particolare diossineo con abusi di sostanze tossiche durante la gravidanza, tuttavia non ci sono evidenze che dimostrino il nesso causale tra fatturi ambientali e insorgenza del rabdomiosarcoma. Dove si manifesta? Esistono infatti due tipi istologici Sarcoma della prostata che è di Rabdomiosarcoma, embrionale e alveolare.

Quello embrionale è il tipo più diffuso: tende a svilupparsi a livello di testa e collo, oppure della vescica, della vagina nelle femmine, della prostata e dei testicoli nei maschi. Quali sono i sintomi? Non ci sono segni tipici per sospettare un Rabdomiosarcoma: generalmente si manifesta come un nodulo, un rigonfiamento, una massa che aumenta più o meno rapidamente. Spesso si osserva una lesionesimile a quelle di origine post traumatica. Come si arriva alla diagnosi?

In presenza di sintomi sospetti, il medico farà una serie di domande per accertare lo stato di salute generale del paziente pediatrico e prescriverà alcuni esami specifici per approfondire il quadro clinico. Dove posso curarmi? In particolare, la ricerca sui rabdomiosarcomi si concentra sulla biologia molecolare di questi Sarcoma della prostata che è, per arrivare ad applicare trattamenti sempre più innovativi, con terapie personalizzate, sempre meno invasive e su misura per i piccoli pazienti.

Quali sono i principali trattamenti? In generale, il trattamento per la cura del Rabdomiosarcoma è multidisciplinare, e consiste nella somministrazione combinata della chemioterapiacon la chirurgia in particolare se localizzato e la radioterapiaparticolarmente efficace con questo tipo di sarcoma.

Per quanto riguarda i tumori Non Rabdomiosarcomail trattamento dipende dal tipo istologico, ma in generale la terapia standard è la chirurgia. Circa la chemioterapia, per alcuni è indicata, ad esempio nel caso del Sarcoma Sinoviale, che risponde bene al trattamento chemioterapico, mentre per altri meno, ad esempio con il Sarcoma della prostata che è a cellule chiare, che è altamente chemio resistente. Altri Non Rabdomiosarcoma, ad esempio i Tumori Desmoplastici a piccole cellule rotonde, non mostrano miglioramenti significativi nonostante protocolli di terapia intensi, e hanno talvolta prognosi infauste.

Chi decide qual è il trattamento migliore? Ci sono altri trattamenti possibili? Nonostante gli sforzi e i progressi compiuti dalla ricerca a livello mondiale, non è ancora possibile salvare tutti i bambini colpiti da Rabdomiosarcoma.

La ricerca biologica, in particolare europea e nordamericana, oggi mira soprattutto a scoprire i meccanismi di crescita delle cellule tumorali per arrestarne la crescita. Questi nuovi farmaci immunomodulanti vengono utilizzati in particolare con i pazienti che non hanno registrato progressi evidenti con le terapie più convenzionali come la chemio.

Quali sono i principali effetti collaterali dei trattamenti? Gli effetti collaterali di un trattamento sul piccolo paziente cambiano Sarcoma della prostata che è caso a caso. I timori legati agli effetti collaterali più ricorrenti, che il giovane paziente con sarcoma vive prima e durante il trattamento Sarcoma della prostata che è la perdita del controllo, non conoscere cosa verrà dopo, il non poter svolgere le normali attività quotidiane — la scuola, lo sport, la vita sociale, le eventuali conseguenze sulle relazioni familiari e sociali, ma anche sulla sfera sessuale e sulla fertilità.

È fondamentale parlare dei propri timori con i familiari e con il team clinico, e condividerli con gli amici e le persone più care. Il giovane con sarcoma e i suoi familiari possono trovare conforto e consigli utili anche nelle associazioni dei pazienti che hanno affrontato una malattia e un percorso terapeutico simile.

Quale prognosi posso aspettarmi? Come sarà il ritorno alla vita quotidiana? È importante che il giovane paziente mantenga costantemente attiva la sua rete di relazioni e interessisia durante i cicli di cura sia successivamente, frequentando il più possibile i luoghi abituali di vita: la scuola, il gruppo sportivo, le associazioni a cui ha aderito. Una volta ritornato alla normale vita quotidiana, il giovane paziente dovrà essere aiutato a rispettare sempre gli appuntamenti con lo staff medico per i controlli e gli esami periodici, per rilevare tempestivamente eventuali recidive della malattia.

Trust PaolaGonzato-ReteSarcoma. Le informazioni pubblicate su questo sito non sostituiscono in alcun modo il parere del medico e del professionista sanitario.

Pagina aggiornata al 9 Aprile Contenuti della sezione. Fonti principali. Argomenti correlati. Sarcoma di Kaposi Sarcoma istiocitico Sarcoma intimale. Altre sezioni. Send message. Powered by Appcademy.